Friday, 9 December 2011

Arabia Saudita: "Se permettiamo alle donne di guidare, fra dieci anni non ci saranno piú vergini".



"Se la proibizione alla guida per le donne verrá tolta, da qui a dieci anni nel Regno Saudita non ci saranno piú vergini". E' una delle esilaranti dichiarazioni contenute in un documento stilato da Kamal Subhi, professore all'Universitá Re Fahad di Riyadh e perito presso il Consiglio Consultivo (parlamento) dell'Arabia Saudita, dunque si presume una figura di alto profilo intellettuale e morale (figuriamoci gli altri!).

Nel rapporto si manifesta la piú  assoluta contrarietá alla concessione alle donne della facoltá di guidare l'automobile.

A parte la loro carica umoristica, queste dichiarazioni esprimono meglio di mille ricerche sociologiche l'enorme divario culturale che esiste fra l'Occidente e gran parte del mondo arabo.

Il professore afferma che "permettere alle donne di guidare comporterebbe un incremento esponenziale della prostituzione, della pornografia, dell'omosessualitá [??!!] e del numero di divorzi".

Subhi conclude il suo rapporto raccontando un episodio accadutogli mentre era in visita in un altro paese della penisola arabica dove - disgraziatamente secondo il suo punto di vista - alle donne é permesso guidare.

"Ero seduto in un Caffé - racconta Suhbi - e tutte le donne mi guardavano [?!]. A un certo punto una di loro mi ha fatto un cenno, facendomi chiaramente capire che era disponibile. Questo é quello che succede quando si permette alle donne di guidare!".

No comments: